Pubblicità

Il Sindaco: “Se venite a vivere a qui vi diamo 9.000 euro e la casa ad 1 euro”

Il sindaco di questa piccola città in Italia, è così disperato, da cercare di popolare la sua cittadina offrendo agli stranieri una somma in contanti per trasferirsi definitivamente lì.

Le dolci colline del nord Italia sono alcune delle viste più belle e pittoresche del nostro Paese. Purtroppo non tutti hanno l’opportunità di viaggiare spesso e di godere di persona di questi panorami mozzafiato.

È il tipo di posto in cui il classico cittadino sarà geloso della vita tranquilla e spensierata, ed a tratti bucolica, che gli abitanti dei piccoli centri vivono nella loro quotidianità. Risulta che il numero di residenti in queste piccole città è ancora più basso di quanto si possa immaginare. Così basso, in effetti, che alcuni di loro stanno rapidamente diventando città fantasma, tristemente vuote.

Pubblicità

Pubblicità

Il sindaco di una di queste città, Locana,è fermamente convinto che non lascerà morire il suo paese. Il sindaco Giovanni Bruno Mattiet offre a chiunque voglia vivere a Locana € 9000 (oltre $ 10.000) in tre anni. Gli unici requisiti per ottenere quella somma, sono:

  • di essere una coppia con almeno un bambino
  • Avere uno stipendio minimo annuo di almeno € 6000

La nostra popolazione è vertiginosamente diminuita  dai 7.000 residenti che si contavano nei primi anni del 1900 ad appena 1.000 di oggi. Lo spopolamento è cominciato quando la gente ha Locana per trasferirsi per lavoro a Torino“, ha spiegato il sindaco Mattiet alla CNN Travel.

La popolazione della città è così bassa che la sua unica scuola è costantemente a rischio chiusura. Lucana conta circa 40 morti ogni anno rispetto alle sole 10 nascite. Questi numeri non sono semplicemente insostenibili.
Locana non è l’unica piccola città italiana che tenta di attirare le persone con accordi di questo tipo. Altri sindaci hanno offerto somme di denaro per le persone che si trasferiscono, mentre altri hanno ridotto i prezzi di alcune proprietà a solo € 1. Funziona in alcune città, ma non in altre. Inoltre, molti ritengono che tale processo potrebbe risolvere il problema solo nell’immediato, ma sono necessarie maggiori miglioramenti alle infrastrutture per apportare modifiche permanenti.