Pubblicità

Miniere e voragini: ecco i 10 più grandi “buchi” della terra

Pubblicità

La natura lavora in maniera davvero impressionante la terra: in alcuni casi si tratta di una lenta ma inesorabile erosione, un mezzo paziente che madre natura ha di utilizzare acqua e aria per modellare a proprio piacimento anche la roccia più dura. Poi esistono eventi immediati e catastrofici come i terremoti: nonostante gli umani tentino in tutti i modi di arginare la grandissima violenza delle scosse sismiche, si tratta di eventi davvero terribili e molto pericolosi…

All’erosione e ai terremoti poi, si affianca anche un’altra “mano” che modifica anche radicalmente il paesaggio attorno a noi: si tratta dell’uomo che, andando alla ricerca di minerali e pietre preziose, negli ultimi secoli non ha disdegnato di scavare con insistenza la crosta terrestre, alla ricerca spasmodica di materiali che potessero rendere ricchi i fortunati possessori di quel territorio.

In questo articolo raccogliamo tutte le miniere e voragini più grandi e impressionanti che sono presenti sulla terra, siano essi di origine totalmente naturale che creati artificialmente.

 

La miniera di rame a cielo aperto di Chuquicamata in Cile, risulta la più produttiva (ma non la più grande) al mondo. Attualmente si scava a una profondità maggiore agli 800 metri anche se in futuro, per cercare il sempre più prezioso materiale si raggiungeranno sicuramente profondità ancora maggiori.

 

Questa miniera si trova nel territorio russo ed è chiamata Udachnaya. Questo foro nel terreno è profondo più di 650 metri.

Miniere e voragini: alcune risultano davvero impressionanti!

Questo foro è improvvisamente apparso proprio nel mezzo di una città in Guatemala nel 2007. Si tratta di una fenditura profonda 100 metri che si è improvvisamente creata in pieno centro cittadino, causando la morte di due persone e l’evacuazione di un intero quartiere. Causa della sua apparizione? Forti piogge che hanno eroso il sottosuolo e un sistema fognario piuttosto vecchio e mal fatto.

 

Questa miniera di diamanti è stata aperta in Canada nel 2003.  Risulta davvero impressionante quanto sia vicina all’acqua circostante!

 

Pubblicità

Un’altra miniera di diamanti, ormai abbandonata. Si tratta della miniera di Mirny che, ai tempi dell’Unione Sovietica era tra le più produttive al mondo.

 

Questa volta l’uomo non centra nulla: il Great Blue Hole si trova in Belize e si è formato durante l’ultima era glaciale. Il diametro di questa straordinaria opera della natura è di circa 300 metri, mentre la profondità tocca i 120.

 

Bingham Canyon  è una miniera di rame situata tra le montagne dello Utah. Oltre al paesaggio alquanto insolito e particolare, va sottolineato come si tratti dello scavo artificiali più profondo al mondo con i suoi 1,2 km di profondità.

 

La diga di Monticello, a dispetto del nome “italianeggiante”, è  in California. Al suo interno è presente una voragine che assorbe l’acqua a una velocità davvero incredibile!

 

La regina tra le miniere e voragini è sicuramente la Kimberley Diamond Mine. Si tratta della cava più grande esistente e al suo interno sono stati estratti una quantità davvero impressionante di diamanti.

 

Il Darvaza (noto anche come Porta per l’Inferno) è un foro creato da un collasso avvenuto in seguito all’intervento umano. Si tratta di un’impressionante fossa da cui fuoriescono gas incandescenti…

Pubblicità

Guarda Anche

Guarda Anche

Guarda Anche