Pubblicità

Semplice sano e veloce: come fare l’olio aromatizzato al rosmarino!

Pubblicità

Utilizzare quest’olio, sarà un’alternativa semplice e salutare che vi consentirà di dare profumo ai vostri piatti. Rappresenta un modo alternativo all’utilizzo del rosmarino in pezzi.

Utile sopratutto per condire piatti a base di carne, ma non perdiamoci in chiacchiere e cominciamo subito con la preparazione!

Di cosa abbiamo bisogno?

  • 1 Contenitore in vetro, meglio uno di quei vasetti apri e chiudi con la guarnizione
  • Olio Extravergine di Oliva EVO q.b. (quanto basta)
  • Forbici
  • Imbuto
  • Rosmarino Fresco
  • Setaccio a maglie larghe

Preparazione:

  1. Tagliate il rosmarino con le forbici in rametti da massimo 4-5cm
  2. Inserite i rametti appena ottenuti sul fondo del barattolino fino a coprirne completamente il fondo. I rametti dovranno occupare circa 1/4 del barattolo.
  3. Versare l’olio nel barattolo fino a che non si arriva alla massima capienza.
  4. Chiudere il contenitore
  5. Conservare in un luogo fresco e asciutto per Due settimane
  6. Trascorso quell’arco di tempo, prendere il colino e l’imbuto e filtrare l’olio dalle impurità e versarlo in un nuovo contenitore pulito.
  7. Chiudere il nuovo barattolo e lasciar riposare.

Questo arbusto a forma di cespuglio è veramente fantastico per trattare diverse malattie. Si può utilizzare in vari modi, come infuso, rami essiccati e così via, ma il suo olio essenziale ha meravigliosi poteri estetici e salutari.

Questa pianta viene utilizzata da migliaia di anni. Ci sono tracce che indicano che nell’antico Egitto già si conosceva il suo potere nelle diverse applicazioni. È sempre stato molto apprezzato per le sue proprietà curative e anche estetiche. Si crede che nell’anno 500 A.C. facesse parte della dieta di Greci e Romani, oltre ad essere un’importante pianta medicinale.

Attualmente la maggior parte della produzione di rosmarino (che viene poi trasformato in olio) proviene da Spagna, Francia e Marocco, anche se può essere coltivato senza problemi in climi temperati. L’olio di rosmarino è terapeutico, infatti i suoi usi sono prettamente medicinali. L’estrazione avviene tramite distillazione degli oli della pianta. È intenso, molto concentrato e non viene quasi mai utilizzato puro, ma viene diluito con altri composti.

Pubblicità

Esiste anche una SECONDA ricetta per l’utilizzo benefico esterno di quest’olio:

Può essere utilizzato anche per problemi molto comuni: un mal di testa, male ai muscoli e alle articolazioni, crampi mestruali, capelli sfibrati soprattutto al ritorno dal mare o se si frequenta piscine.

La natura ci offre un rimedio facile facile da preparare in casa ma molto efficace: l’oleolito di rosmarino. Riesce a rilassare le tensioni sciogliere le contratture venire il male ma anche rendere i capelli molto morbidi e lucidi e rinforzati.

L’oleolito è un olio in cui foglie o fiori vengono lasciati a macerare in modo da rilasciare gli oli essenziali e quindi le loro proprietà. Sono meno potenti degli oli essenziali che si trovano in commercio, hanno però il vantaggio di poter essere prodotti facilmente a casa in modo economico e senza bisogno di speciali strumenti.

Per l’olio essenziale di rosmarino servono:

  • 5 rametti di rosmarino, vanno bene appena raccolti oppure lasciati ad asciugare qualche ora al sole
  • Come olio poi ho scelto l’olio di semi di girasole biologico va bene anche utilizzare l’olio d’oliva
  • Una garza
  • Un cordino
  • ho deciso per esempio utilizzeremo il metodo a caldo, cioè bagnomaria. E’ il migliore quando si utilizzano piante fresche, ed è anche il più veloce.

Vediamo come si prepara questo fantastico oleolito di rosmarino:
Procurati 5 rametti di rosmarino e metti gli aghi in una coppetta. Utilizza l’olio scelto e versalo in un barattolo pulito e sterilizzato con una garza come “tappo” fissata con un cordino.

  • inserisci il rosmarino in barattolo
  • versa l’olio secondo la proporzione: una parte di rosmarino e due di olio.
  • chiudi il barattolo con la garza e fermala con il cordino
  • in una pentola con acqua disponi sul fondo un canovaccio per evitare che il barattolo urti contro il fondo
  • inizia a scaldare a bagnomaria il tuo futuro olio essenziale
  • scalda calore bassissimo per 3 ore, mi raccomando, fai attenzione all’olio che non bolla!
  • al termine togli il barattolo e chiudilo con un coperchio. Lascia riposare una notte.
  • il giorno dopo procurati un’altra garza, filtra l’olio e spremi bene.
  • chiudi il barattolo ed ecco pronto il tuo oleolito!

Conservalo in un luogo buio, fresco ed asciutto. Attenzione a che non irrancidisca! Puoi utilizzarlo per massaggi sul corpo, su aree colpite da contratture, crampi, mal di testa o anche come maschera per capelli da distribuire sulle lunghezze: lascialo in posa 15 minuti e poi sciacqua con lo shampoo.

Pubblicità

Guarda Anche

Guarda Anche

Guarda Anche