Pubblicità

Sei sicuro di pulirti il sedere in modo corretto?

Pubblicità

L’igiene è una cosa davvero fondamentale nella nostra vita. Prendersi cura del nostro corpo aiuta a mantenerci sani, puliti e giova notevolmente ai nostri rapporti interpersonali. Alcune regole basiche della pulizia ci vengono insegnati già nella più tenera età come, ad esempio, quando da bambini facciamo i nostri bisogni nel vasino e ci viene insegnato come pulirci.

Nonostante ciò, le nostre convinzioni riguardo questa pratica igienica potrebbero essere totalmente sbagliate! Tutti vanno in bagno, tutti utilizzano la carta igienica (magari in due o tre strati) per pulirsi, dopodiché si tira lo sciacquone, ci si lava le mani e via…

Va detto come bisogna stare attenti a non sfregare troppo forte la carta igienica contro il nostro orifizio anale, per non causare escoriazioni o emorroidi.

Una buona usanza che coinvolge noi italiani è l’utilizzo del bidet. Una volta a cavallo di esso, possiamo lavarci tranquillamente le parti intime aumentando notevolmente l’igiene di quelle parti del nostro corpo. C’è chi si chiede con la schiena verso il rubinetto, chi invece con questo davanti: sono solo questioni di stile personale. L’utilizzo del bidet è inoltre consigliato anche alle donne dopo un rapporto sessuale.

Pubblicità

In caso di doccia o bidet, state attenti a utilizzare un sapone non irritante per lavare le “zone basse” del vostro corpo e ricordatevi sempre di risciacquare accuratamente una volta che il sapone ha fatto il suo effetto.

In caso di mancanza di bidet, utilizzate delle salviette umide per adulti, acquistabili in qualunque mercato. Si tratta insomma di una soluzione per chi magari si trova fuori casa o addirittura all’estero e desidera ugualmente avere un occhio di riguardo per il suo igiene personale.

Il bidet è un apparecchio sanitario utilizzato per l’igiene intima. La parola deriva dal francese e curiosamente indica il pony. Tale omonimia deriva dalla somiglianza della posizione durante l’utilizzo del bidè rispetto a quella che si assume durante la cavalcata di un pony. Questo oggetto è comune solo in alcuni paesi europei come Grecia, Spagna, Portogallo e soprattutto in Italia: l’unico paese in cui questo è obbligatorio.

Pubblicità

Guarda Anche

Guarda Anche

Guarda Anche