Curiosità

Avete ancora le monete da 500 lire? Oggi possono valere 12 mila euro! Ecco perché

Avete ancora le vecchie monete da 500 lire? Beh, guardatele bene perchè una di queste può valere fino a 12 mila euro!
Avete ancora le monete da 500 lire? Oggi possono valere 12 mila euro! Ecco perché

Prima dell’entrata in vigore dell’euro, le monete 500 lire bimetalliche erano molto diffuse; questa moneta, però, fu adottata solo nel 1982. 

La storia delle 500 lire

Prima del 1982, le monete da 500 lire erano in carta o in argento 835; di queste sono stati emessi diversi conii che, ora, godono di un certo valore.

Le 500 lire “caravella” 

La prima moneta in argento da 500 lire coniata in Italia è detta “caravella” perchè sul fronte riportava l’immagine di caravelle con le vele spiegate. 


Nel 1957 ne venne coniata una versione di prova e, in segno commemorativo, venne distribuita ai Deputati e ai Senatori in carica. Quella moneta, con incisa la parola “prova”, fu molto particolare perché aveva un errore: le bandiere sugli alberi maestri delle caravelle erano state disegnate con la direzione opposta a quella che dovevano avere per la presenza del vento. 

Tra le più famose per i collezionisti

Nelle versioni successive della moneta, questo errore venne corretto e le monete di prova del 1957, prodotte in serie limitata, sono diventate tra le più famose per i collezionisti. 

Il loro alto valore di mercato si basa sul fatto che, oltre ad essere molto rare a causa dell’errore di conio, queste monete sono state prodotte in tiratura limitata. Per tale motivo, la loro valutazione tra i collezionisti si aggira attorno ad un minimo di 2.500 euro (in caso di condizioni non del tutto buone) fino ad un massimo di 12.000 euro (in caso di monete fior di conio).

I pezzi in buonissime condizioni, ma non fior di conio, vengono valutati tra i 5.000 e gli 8.000 euro.

In generale, sono state coniate ben sei milioni di esemplari delle monete della serie caravelle; una prima serie dal 1958 al 1961 e una seconda serie dal 1964 al 1982. Per questo motivo, queste monete, seppur fior di conio, hanno poco valore.