Il Governo ha stanziato 25 miliardi di euro. Ecco per cosa verranno usati.

In questa grave crisi Coronavirus il governo si muove senza tregua

Il Governo ha stanziato 25 miliardi di euro. Ecco per cosa verranno usati.

Sulla base delle ultime notizie riguardanti il Coronavirus in Italia i contagi sono oltre 10mila e il governo deve intervenire. Il consiglio dei ministri ha quindi portato a 25 miliardi di euro lo stanziamento per far fronte a questa terribile epidemia. L’aggiunta di questa normativa affianca le già presenti predisposizioni per limitare il contagio.

Cresce il deficit in Italia: 25 miliardi per bloccare il Coronavirus

Il premier Giuseppe Conte ha annunciato in una conferenza stampa lo stanziamento della straordinaria somma di 25 miliardi di euro da usare spalmati nel corso dell’intera epidemia per cercare di fronteggiare questa emergenza. Prima di tutto 12 miliardi andranno a sostegno di famiglie e imprese, costretti a casa per bloccare l’evolversi del contagio. Il ministro dell’economia Roberto Gualtieri ha affermato: “Il Consiglio dei ministri ha approvato l’integrazione alla relazione già inviata al Parlamento portando la richiesta di scostamento a 20 miliardi in termini di indebitamento che corrispondono a 25 miliardi di maggiore stanziamento. Andranno in parte nel primo decreto che contiamo di approvare probabilmente venerdì che dovrebbe avere a disposizione 12 miliardi. Gli altri vanno a riserva per possibili interventi da realizzare anche in un quadro europeo”.

Il premier Conte ha aggiunto che avrà a breve una videoconferenza con la presidente Ursula Von der Leyen, la quale si era dichiarata disponibile a venire in Italia per gestire la situazione, ma che il nostro premier ha considerato più rapido contattare via web. 

Ultime notizie sul Coronavirus

Quanto si è fermata l’Italia sulla base dei decreti? E il livello dei contagi? Nonostante i treni internazionali vengano bloccati al Brennero, molti voli sono ancora attivi da diversi aeroporti italiani. Gli italiani, però, hanno preso a cuore il decreto “io resto a casa”, che stanno cercando metodi alternativi di passare il tempo in questa vacanza forzata. “Nessuno perderà il lavoro perché gli ammortizzatori sociali ci saranno per tutti”, ha detto il ministro per le Autonomie Francesco Boccia. Mentre Fontana e Zaia chiedono di “chiudere tutto”. Bisogna però sottolineare una buona notizia: oggi a Codogno non si è registrato nessun nuovo caso. Le misure precauzionali sembrano iniziare a fare effetto.

, ,