News

Coronavirus, sputa addossa all’infermiera

Nell'ospedale Cutugno di Napoli un paziente positivo aggredisce il personale
Coronavirus, sputa addossa all’infermiera

Martedì 10 Marzo, all’ospedale Cutugno di Napoli un paziente positivo al Coronavirus si è innervosito e ha sputato addosso al medico e all’infermiera che l’avrebbero dovuto visitare. La quarantena è appena stata dichiarata per tutta l’Italia, il rischio di infettività è alto, ma ancora non tutti hanno capito la gravità della situazione.

All’ospedate Cutugno di Napoli è successo un fatto molto grave

Coronavirus: Sputa e aggredisce medici e infermieri

L’emergenza Coronavirus ci sta mettendo tutti a dura prova. Gli episodi di isteria collettiva si presentano sia nei luoghi pubblici come i supermercati, sia negli ospedali. Martedì scorso, infatti, all’ospedale Cutugno di Napoli un medico e un infermiere sono stati aggrediti da un uomo in coda per il tampone. Il signore presentava sintomi influenzali e all’improvviso si è arrabbiato per i tempi d’attesa da rispettare per procedere all’esame. Spazientito, ha tolto la mascherina e si è scagliato contro i medici che hanno inutilmente tentato di calmarlo. A questo punto il paziente ha sputato loro addosso. Al momento medico e infermiera colpiti dallo sputo sono costretti alla quarantena e impossibilitati a tornare a lavoro.

MPaziente sputa contro medico e infermiera

Medici in prima linea


Le aggressioni al personale medico sanitario in questi giorni però sono state diverse. Le persone sono allo stremo e un lieve isterismo sta cogliendo parte della popolazione. Per quanto riguarda quanto successo all’ospedale Cutugno il direttore generale ha dichiarato:  “Ho perso un medico e un infermiere validissimi che adesso devono state in isolamento e non possono dare, come hanno fatto finora, il loro prezioso contributo. Sputare addosso a una persona quando si hanno, in un momento come questo, sintomatologie e febbre, equivale a sparare, non c’è differenza”.

Il direttore ha anche preso posizione riguardo l’attuale situazione parlando delle nuove reclute che stanno arrivando negli ospedali.: “Sono indignato ci sono ragazzi che stanno dando l’anima, stamattina ho visto i neo assunti, ragazzine di 23-24 anni che forse non sanno a che cosa stanno andando incontro, pronti a dare il loro contributo in questa battaglia contro il Coronavirus”.

I medici in questo momento si stanno trovando ad affrontare una situazione gravissima, in cui sono messi alla prova a livello fisico e psicologico. Dovrebbe tutti semplicemente ringraziarli e rispettarli.

Segui Viaggiare al Verde su Google News