Dal mondo

La straordinaria storia di James Jones di Vite al limite. Pesava 330kg. Quanto è dimagrito grazie al dr. Nowzaradan?

Pesava 330kg, si è rivolto a Vite al Limite e oggi è dimagrito molto.
La straordinaria storia di James Jones di Vite al limite. Pesava  330kg. Quanto è dimagrito grazie al dr. Nowzaradan?

Vite al limite mostra i cambiamenti radicali delle persone che si rivolgono al dottor Nowzaradan. Dopo un anno dalla fine del programma, gli spettatori vengono aggiornati circa il destino dei protagonisti, per vedere se sono riusciti a mantenere uno stile di vita sano o se sono ricaduti nel circolo dell’obesità.

James Jones dopo Vite al Limite

In ogni puntata di Vite al Limite, il noto chirurgo iraniano-americano specializzato in chirurgia vascolare e bariatrica, il dottor Nowzaradan, cerca di aiutare persone affette da grave obesità che vogliono ricominciare a vivere.


Prima di proporre l’operazione di by-pass gastrico, però, il chirurgo vuole essere certo che i pazienti siano in grado ridurre la propria dipendenza dal cibo. In un percorso della durata di 12 mesi, Vite al Limite segue tutto il processo, per poi mostrare il risultato dopo un altro anno. A volte si tratta di un cambiamento davvero drastico. 

Un caso eclatante è quello di James Jones di Frankston, in Texas, che si è rivolto al dottor Nowzaradan a 37 anni e 330 chili. Le radici del suo problema con il cibo affondano nella sua famiglia, in cui tutti erano obesi e dove il padre e la sorella sono morti a causa di patologie legate ad essa. Tuttavia, è stato questo lutto a convincere James a rivolgersi al programma Vite al Limite.

All’inizio, la sua perdita di peso è stata notevole: 53 kg in 2 settimane. Ma James è riuscito a fare di più, dimagrendo di 159 kg e arrivando a 171 chili. Il chirurgo ha quindi potuto intervenire con il by-pass e la rimozione della pelle in eccesso e oggi James Jones è irriconoscibile.

La sua vita è cambiata radicalmente. Poco tempo fa, purtroppo, ha fatto un incidente in auto. Ha raccontato in seguito che se non fosse dimagrito in quell’occasione avrebbe perso la vita. Complimenti!