Curiosità

Gli esperti chiariscono riguardo il bagno dopo mangiato. Fa male? La loro risposta

Potete fare il bagno dopo mangiato: sì, avete letto bene! Ecco smentito uno dei luoghi comuni più conosciuti.
Gli esperti chiariscono riguardo il bagno dopo mangiato. Fa male? La loro risposta

Tutti noi, almeno una volta nella vita, siamo stati rimproverati ed invitati dai nostri genitori a non fare il bagno subito dopo aver mangiato

Questa, nel corso degli anni, è diventata una delle raccomandazioni più famose; da sempre, quindi, tutti noi sappiamo che è pericoloso fare il bagno subito dopo aver mangiato.

Per poterlo fare in tutta sicurezza, è necessario attendere da 30 minuti a 3 ore.

I sintomi più comuni

Tuttavia, pare che dal punto di vista medico non vi sia alcun divieto in proposito.

Crampi

Solitamente, i nostri genitori sconsigliavano di fare il bagno perchè erano convinti che, durante la digestione, il sangue affluisse verso lo stomaco, riducendo così l’afflusso ai muscoli delle gambe e delle braccia. In acqua, quindi, non avremmo avuto sufficienti forze per muoverci e tenerci a galla e nemmeno per contrastare la temperatura dell’acqua (con il rischio di una bella congestione!).


In realtà, il nostro organismo non crea sbilanciamenti così drastici; è vero che durante la digestione c’è un maggior afflusso di sangue verso stomaco ed intestino, ma questo non compromette di certo la nostra capacità di movimento.

Inoltre, non è chiaro se la lieve riduzione dell’afflusso di ossigeno verso i muscoli possa causare crampi rischiosi per chi nuota; in genere, infatti, i crampi muscolari nascono dalla combinazione di numerosi fattori e non per forza per quel motivo.

Fitte

Chi vieta di fare il bagno dopo i pasti sostiene che è necessario per prevenire fitte dolorose nell’area dell’addome posta subito sotto al petto. Questa condizione si verifica quando si compie uno sforzo fisico aerobico, ma la sue cause non sono ancora note.

Tra i medici, invece, l’ipotesi più condivisa è che le fitte derivino da un crampo che interessa il diaframma;tuttavia, non vi è alcun legame con l’aver mangiato o meno.

Annegamento

Le statistiche sui decessi in acqua non comprendono cause come quelle di un bagno effettuato troppo a ridosso di un pasto; non sembra esserci, infatti, alcuna correlazione plausibile tra il bagno dopo i pasti e l’annegamento.

L’unico fattore di rischio è legato al consumo di alcolici o di droghe; nuotare dopo aver bevuto o aver assunto droghe non è mai una buona idea perchè altera la percezione di ciò che abbiamo intorno. Inoltre, influisce sulle capacità motorie e può disorientare.

In generale, quindi, nuotare dopo avere mangiato non è pericoloso; ovviamente, come per tutti i tipi di sport, è consigliabile fare un pasto leggero, evitando alimenti eccessivamente ricchi di grassi.