Spettacolo

Chi è il fratello di Mario Balotelli? Si chiama Enock, ha 27 anni e anche lui è uno sportivo. Foto

Si chiama Enock Barwuah ed è il fratello del calciatore Mario Balotelli.
Chi è il fratello di Mario Balotelli? Si chiama Enock, ha 27 anni e anche lui è uno sportivo. Foto

Si chiama Enock Barwuah ed è il fratello di Mario Balotelli. Di tre anni più giovane rispetto al noto calciatore, proviene dalla medesima famiglia di origini ghanesi.

A differenza di Mario Balotelli, però, ha preso la decisione di mantenere il cognome del padre. Molto legati l’uno all’altro, pur avendo trascorso la loro infanzia in due famiglie separate, hanno altri fratelli, Abigail e Angel Barwuah.

Enock Barwuah, il fratello di Mario Balotelli

Nato a Palermo il 20 febbraio del 1993, anche Enock Barwuah, proprio come Mario Balotelli, ha sempre mostrato fin da bambino una grande passione per il calcio. Non è arrivato a giocare in serie A come il fratello, riuscendo comunque a militare in alcune squadre in Serie D e Eccellenza.

A breve, inoltre, il pubblico a casa avrà modo di vederlo all’opera nella casa più spiata d’Italia, dato che prenderà parta alla quinta edizione del Grande Fratello Vip.


Molto legato al fratello Mario Balotelli, Enock Barwuah ha colto spesso l’occasione per prendere le sue parti. Di recente, ad esempio, ha affermato:

I problemi col Brescia? Sono tutte sciocchezze, non capisco perché i giornalisti scrivano certe cose. Mario si allena ogni giorno come un professionista. Non voglio parlare per lui, ma è tranquillo e anche oggi si sta allenando regolarmente. Il futuro? Ha un contratto con la società e conta solo quello.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Enock Barwuah 🇮🇹❤️🇬🇭⚡️🦍 (@enock17) in data:

Le parole di Enock Barwuah

Noto per essere il fratello di Mario Balotteli, Enock Barwuah, nel corso di una diretta Instagram con calciomercato.com, ha raccontato: “Quando ero più piccolo ho vissuto male questa cosa, credo che mi abbia penalizzato tanto. Prima lo soffrivo di più, ora che sono più grande ci passo sopra. Se Mario giocasse al 100% non ce ne sarebbe per nessuno, lui invece scende in campo al 30%. È molto sensibile, se trova una minima cosa che non va bene si abbatte e anche in partita rende meno. Non è facile gestire la pressione, lui sa che ora ha più responsabilità essendo più grande”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Enock Barwuah 🇮🇹❤️🇬🇭⚡️🦍 (@enock17) in data:

In merito a quando il Brescia ha chiamato Balotelli per proporgli il trasferimento, inoltre, ha affermato “Io ero lì con lui. Essendo tutti e due bresciani eravamo felici, Mario non ci ha pensato un attimo ad accettare scartando tutte le altre proposte”.

Per poi aggiungere: “Ogni cosa che fa viene vista come negativa, senza capire il motivo o come sono andate le cose. Si è creata questa situazione e deve conviverci, purtroppo la gente è ignorante. Come chi fa i cori razzisti, mi sale tanta rabbia quando vedo Mario vittima di questi episodi e vorrei essere lì in campo vicino a lui a sostenerlo. Penso servano delle punizioni più severe contro queste persone, ma devono essere loro i primi ad arrivarci usando la testa”.