Spettacolo

“Osceno!” la giornalista Selvaggia Lucarelli attacca Gianluigi Nuzzi: perché questo sfogo?

Selvaggia Lucarelli rimprovera il giornalista Gianluigi Nuzzi per un suo post
“Osceno!” la giornalista Selvaggia Lucarelli attacca Gianluigi Nuzzi: perché questo sfogo?

Ancora una volta Selvaggia Lucarelli, la giornalista e blogger famosa per il suo essere sempre presente sui social a dire la sua su chiunque, usando continuamente toni polemici e critici, ha voluto commentare un post che Gianluigi Nuzzi aveva pubblicato sul suo profilo facebook, ovvero la foto di Antonio Ciontoli.

Nuzzi, anch’egli giornalista, attraverso il programma che conduce su Rete 4 il venerdì sera, Quarto Grado, si sta occupando, tra le altre cose, dell’omicidio di Marco Vannini, avvenuto nel 2015 proprio nella casa dei Ciontoli, ovvero della sua fidanzata.

Il giovane fu colpito a morte da uno sparo che dopo diversi gradi di giudizio in tribunale è stato alla fine attribuito proprio ad Antonio Ciontoli, il capofamiglia.

Nel recente processo di appello bis l’uomo è stato condannato a 14 anni per omicidio volontario e i suoi familiari, moglie e figli, presenti al fatto, a 9 anni per concorso anomalo in omicidio volontario. Ricordiamo infatti che nessuno tentò di aiutare il ragazzo.

Il post incriminato


Ed è proprio una frase detta dal Ciontoli durante il processo, in una sua dichiarazione spontanea, che Gianliuigi Nuzzi ha usato a corredo della foto pubblicata, ovvero ” Marco era bello come il sole e buono come il pane”.

Secondo la Lucarelli il gesto di Nuzzi, ossia pubblicare solo una foto del l’uomo senza nessun articolo a riguardo, è sbagliato perché servirebbe unicamente a convogliare altro odio verso di lui, e ha quindi voluto esprimere il suo disappunto nel suo post

Conduttore di programmi di cronaca (e giornalista) che non posta articoli o argomenti, ma solo la foto del mostro per raccogliere inevitabilmente 2000 commenti con minacce di morte, insulti sessisti alle donne della famiglia, accuse di aggressioni sessuali alla vittima. Osceno

In pratica la giornalista ha ripreso Nuzzi perché, secondo il suo modo di vedere, mettendo in rete un post del genere, vale a dire la foto dell’assassino del povero Marco, senza annettere alcun articolo a riguardo del fatto compiuto dall’uomo, sarebbe una mossa fatta ad’arte per raccogliere commenti.

Forse nel suo modo sempre un pò sopra le righe di esprimersi voleva intendere che bisogna portare rispetto anche agli assassini?