Cucina

Come preparare gli omini di pan di zenzero per far felici i bambini a Natale

Ecco la vera storia e la ricetta dei famosi biscotti
Come preparare gli omini di pan di zenzero per far felici i bambini a Natale

Durante le festività è divertente poter stare in cucina a preparare qualcosa di sfizioso in tema. C’è chi si diletta a sfornare torte simili ad albero di natale, chi dà la forma ai biscotti di babbo natale, renne, folletti, e via dicendo. Insomma, la fantasia non manca, soprattutto quando ci sono di mezzo i bambini. Comunque sia, il tormentone di questo periodo dell’anno sono sempre stati anche gli omini di pan di zenzero.

Infatti, lo stesso è spesso protagonista di film animati, cartoni e fiabe, poiché piace molto ai fanciulli e non passa mai di moda. Ma voi la conoscete la vera storia dell’omino di pan di zenzero? Se la risposta è no, siete nel posto giusto. Infatti, nelle prossime righe, vogliamo raccontarvela. Siete pronti?

La fiaba originale dell’omino di zenzero

La favola racconta di una coppia di anziani che vivevano in una casa nei pressi di un bosco. Un giorno, la signora era intenta a cucinare proprio un omino di pan di zenzero. Così, continuò, decorandolo per bene, facendo assomigliare a un vero bambino. Lo adornò, infatti, con occhi, la bocca e naso, utilizzando della frutta secca e anche delle caramelle.

Invece, per formare dei capelli e dei vestiti fece uso della glassa. Terminato il suo lavoro, però, successe qualcosa di veramente incredibile. Infatti, una volta che l’omino era completo, iniziò a parlare. Poi, prima che la donna potesse trattenerlo, il biscotto animato cominciò a correre sempre più veloce, dicendo: “Corri pure, tanto non mi prendi, io sono l’omino di pan di zenzero!”

Successivamente, anche una mucca si accorse dell’omino e cominciò a inseguirlo, senza però, riuscire ad acchiapparlo. Così, allora, ci provarono anche una gallina e un maiale, ma purtroppo, non riuscirono a raggiungerlo. Così, l’omino continuò imperterrito la sua fuga fino a che si trovò di fronte alla riva di un fiume. A quel punto, però, il biscottino di zenzero si trovò in difficoltà, poiché tuffandosi nell’acqua si sarebbe inevitabilmente sciolto.


In quel momento, si appropinquò una volpe che si propose di aiutarlo a guadare il fiume. Lui però, insospettito, chiese: “E se poi mi mangi?” L’animale, però, utilizzò parole rassicuranti, tanto da convincerlo. Salì, quindi, in groppa alla volpe e insieme si gettarono in acqua. Quando l’acqua si fece più profonda, la volpe disse all’omino di arrampicarsi sul muso di modo che sarebbe stato in salvo.

Alla sponda del fiume, tuttavia, il furbo animale riuscì quasi a mangiarlo, ma, la mossa sleale le fu impedita da un corvo che lo prese nel becco. Sembrava che per l’omino fosse finita, ma non si arrese e con astuzia si liberò anche dell’uccello, facendogli una domanda. Il corvo così, rispondendo alla domanda, fu costretto ad aprire il becco e l’omino cadde e scappò velocemente.

La ricetta per preparare questi deliziosi biscotti

Ingredienti:

  • Farina: 390 gr
  • Burro: 113 gr
  • Zucchero: 100 gr
  • Uova: 2
  • Miele: 140 gr
  • Bicarbonato di sodio
  • Zenzero in polvere

Prendete una ciotola e metteteci la farina, mezzo cucchiaino di sale, meno di un cucchiaino di bicarbonato di sodio e alcune spezie come un cucchiaino di cannella in polvere, noce moscata, chiodi di garofano macinati. Poi, in una planetaria dovrete sbattere il burro insieme con lo zucchero al fine di ricavare una crema. Unitevi, poi, l’uovo e il miele, e fate funzionare la planetaria fino a che non avrete ottenuto una miscela omogenea.

A questo punto versate nella planetaria anche la farina e le spezie, e mescolate accuratamente. Ora, dovrete dividere questo composto che avete creato in due parti uguali e disponetele in frigorifero per 2 ore. Passato questo tempo, preriscaldate il forno a 180° e preparate due teglie avvolte con carta da forno. Intanto, togliete i due composti dal frigo e posizionateli su di un piano di lavoro infarinato.

Effettuate quindi delle sagome a forma di omino con l’ausilio di un apposito stampo. Quando saranno pronti, li metterete nelle due teglie e metteteli in frigo per una decina di minuti. Solo allora, potrete infornarli per un massimo di 12 minuti.

Segui Viaggiare al Verde su Google News