News

Papa Francesco non sta bene. L’annuncio del Vaticano

Ecco qual è la causa della pausa forzata del Pontefice
Papa Francesco non sta bene. L’annuncio del Vaticano

Secondo fonti ufficiali pare proprio che purtroppo Papa Francesco non stia molto bene. Proprio per questo motivo, non potrà celebrare, come di consuetudine, il Te Deum ovvero il ringraziamento per l’anno che se ne sta per andare, e i Vespri del 31 Dicembre.

Viene riportato, infatti, che accuserebbe dei dolori a una gamba. La notizia infelice arriva direttamente dal portavoce Matteo Bruni. Di seguito le sue precise parole.

“A causa di una dolorosa sciatalgia le celebrazioni di oggi e domani presso l’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana non saranno presiedute dal Santo Padre Francesco”.

Così, a fare le sue veci ci penserà il cardinale Giovanni Battista Re. Invece, per quanto riguarda la Messa del primo Gennaio, il sostituto sarà il cardinale Pietro Parolin nonché segretario di Stato.


Tuttavia, sembra che al Pontefice sarà concesso almeno la recita dell’Angelus dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico. Naturalmente, continua Bruni, l’impegno rimane confermato, salvo impresti dell’ultimo minuto.

Papa Francesco soffre di questi sintomi da parecchi anni

Ci auguriamo, quindi, che Bergoglio possa rimettersi al più presto. La sciatica, per la precisione, si tratta di un dolore che, partendo dalla gamba, arriva a colpire la schiena.

I medici, d’altra parte, affermano che non è così intuitivo capire quale sia la causa scatenante. In particolare, ci sono due opzioni principali. Potrebbe, quindi, derivare da un’infiammazione del nervo ischiatico oppure da un’ernia del disco.

A quanto pare, comunque, Papa Francesco soffre di sciatalgia già da qualche tempo e, ogni tanto, quando è richiesto, deve sottoporsi a delle iniezioni che servono per far diminuire il disturbo di quella zona del corpo.

Chi gli è vicino, inoltre, racconta che già nel 2007, quando in veste di cardinale si recò a Roma in occasione del Sinodo dei vescovi, fu visitato da Valter Santilli, fisiatra romano dell’Università La Sapienza. Il medico, per l’appunto, ha ricordato il fatto, esprimendosi in questi termini.

Eminenza, lo sa che la sciatica è una malattia profetica? Dopo che Bergoglio mi chiese il motivo della mia affermazione, io risposi che nel libro della Genesi dell’Antico Testamento, al capitolo 32 dove si racconta l’episodio della lotta di Giacobbe con l’Angelo, quest’ultimo lo toccò sul nervo sciatico e sull’ articolazione dell’anca, ed in quella notte, dopo la sciatica il Signore cambiò nome a Giacobbe in Israele. Vedrà, dopo la sua sciatica il Signore cambierà nome anche a lei”.