Spettacolo

“Ma perché si abbracciano tutti?” La prima puntata di C’è Posta per te scatena le polemiche, Maria in grosso imbarazzo

I social si sono espressi in maniera negativa contro la popolare trasmissione
“Ma perché si abbracciano tutti?” La prima puntata di C’è Posta per te scatena le polemiche, Maria in grosso imbarazzo

Il 9 gennaio, dopo le consuete feste natalizie, è andata in onda la prima puntata di C’è posta per te, uno dei programmi più longevi di Canale 5. Tuttavia, stavolta, pare che il pubblico da casa abbia avuto qualcosa da ridire.

Nonostante sia una trasmissione di successo seguita da migliaia di telespettatori, non sono potute però mancare alcune polemiche.

Infatti, gli utenti dei social network non hanno perso l’occasione per criticare persino ciò che è accaduto nella trasmissione di Maria De Filippi, evidenziando alcuni particolari.

Nella fattispecie, pare che gli spettatori non abbiano gradito le dimostrazioni di affetto e le effusioni da parte dei partecipanti. In primis, Sabrina Ferilli è stata bacchettata per aver scambiato baci e abbracci con una coppia che, in questo periodo, sta affrontando dei problemi economici a seguito delle restrizioni anti Covid-19.

Qual è il motivo di queste concessioni?


Allo stesso tempo, il pubblico presente in studio si è comportato normalmente, senza alcun problema a rispettare le norme di distanziamento sociale.

A voler guardare, non sarebbe la prima volta che succede in tv, comunque sia, pare che C’è posta per te sia stato un vero e proprio bersaglio per i benpensanti.

Su Twitter, infatti, alcuni hanno commentato in modo negativo il fatto che in quella situazione non ci fosse nessuno né con la mascherina né abbastanza lontano dalla persona più prossima.

Così, altri hanno poi concluso che, a questo punto, non si capisce lo scopo della chiusura dei bar e dei ristoranti se, da come si è visto, in altri frangenti tutto è permesso. Un’altra utente, invece, prendendola sul ridere, ha ironizzato, chiedendo se, non presentandosi in studio, per caso il virus non avesse avuto paura della De Filippi.

Comunque sia, la risposta a queste domande è lecita e, d’altra parte, anche piuttosto semplice. Pare, infatti, che la trasmissione sia stata registrata nei mesi di settembre e ottobre e che, quindi, in quei giorni, non erano state messe in atto le nuove imposizioni. Per di più, a detta dei responsabili, pare che il pubblico venga ogni volta sottoposto a un tampone molecolare prima dell’inizio dello show televisivo.

Segui Viaggiare al Verde su Google News