News

Strage di uccelli nel centro di Roma: cos’è successo?

Un incredibile bilancio per i volatili della Capitale
Strage di uccelli nel centro di Roma: cos’è successo?

I botti di Capodanno, purtroppo, ogni anno sono causa di incidenti e di cattive notizie. Nonostante, peraltro, il preventivo avvertimento di svariate campagne di sensibilizzazione, come da copione, ogni volta si registrano danni e gravi infortuni.

Come ormai tutti sanno, peraltro, questi petardi sono pericolosi anche per gli animali che, nei casi meno funesti, possono esserne molto spaventati.

Quest’anno, però, in particolare nel centro storico di Roma, si è verificata una terribile strage di centinaia di uccelli. Ciò proprio perché, in questo periodo, una miriade di volatili sono soliti posarsi sui rami degli alberi della Capitale.

Nella fattispecie, i suddetti prendono posizione sulle piante di piazzale del Cinquecento, di fronte alla stazione di Termini. Pare che, infatti, nei giorni scorsi, i dipendenti di Atac si fossero accorti di questo stormo spropositato e abbiano denunciato il fatto.

La Lipu e l’Ansa hanno riportato i dettagli dell’accaduto


Tuttavia, i poveri malcapitati, durante la notte di San Silvestro, pare che si siano enormemente impauriti per il forte fracasso dei botti. Così, il gruppo di uccelli neri, allarmato, ha preso il volo ed è fuggito dagli alberi.

Però, nella confusione, i volatili sono andati a schiantarsi contro i fili ad alta tensione del centro storico. Una triste sorte che ora è sotto gli occhi di tutti, poiché migliaia di cadaveri ricoprono le strade della zona.

Successivamente, l’agenzia Ansa ha documentato questa carneficina con svariate fotografie che hanno confermato la veridicità della notizia. Le immagini, in queste ultime ore, stanno facendo il giro del mondo.

La Lipu, Lega italiana protezione uccelli, ha inoltre convalidato il fatto e ha affermato che in passato gli uccelli se ne era andati a seguito degli interventi di dissuasione. Quest’anno, però, sono potuti rimanere indisturbati e quindi si era accumulato un grande numero. Il portavoce ha poi rilasciato la seguente dichiarazione.

“Sono stati ritrovati anche in via Nazionale, piazza Esedra e via dei Fori Imperiali. Nella zona di Roma Termini c’è un grosso dormitorio. Gli storni sono animali sociali e la notte formano dei dormitori sulle alberature che possono arrivare a contare molte migliaia di individui. Ieri notte l’esplosione dei botti ha agitato gli animali e, quindi, hanno sbattuto tra di loro, contro i fili sospesi e le barriere architettoniche tipiche del centro città.”