News

E’ possibile andare in pensione con soli 15 anni di contributi. Ecco i casi

Potrebbe essere possibile andare in pensione con soli 15 anni di contributi, vediamo in quali casi
E’ possibile andare in pensione con soli 15 anni di contributi. Ecco i casi

La pensione è un miraggio per alcuni, una meta che a volte sembra allontanarsi sempre di più, al momento bisogna maturare almeno 20 anni di contributi ed avere 67 anni di età, ma lo sapevate che ci sono alcuni casi in cui è possibile accedervi con solo 15 anni di contributi? Andiamo a vedere quali sono.

Le deroghe Amato

La cosiddetta Legge Amato ha apportato delle modifiche nel 1992 alla Legge n. 503 che sono ancora in vigore oggi e riguardano proprio i contributi necessari per accedere alla tanto agognata pensione di vecchiaia,  con soli 15 anni di contributi ovvero con 5 anni in meno rispetto al requisito ordinario. 

Nel primo caso in cui ciò è concesso, il lavoratore deve avere maturato 15 anni di contribuzioni, pari a 780 settimane, entro il 31 dicembre del 1992; sono utili allo scopo i contributi di diversa natura ossia quelli versati da lavoro, i contributi volontari, quelli figurativi e da riscatto o ricongiunzione.

C’è un altro caso in cui si può accedere alla pensione con soli 15 anni di contributi, ovvero quando il lavoratore è stato autorizzato ai versamenti volontari in un periodo antecedente al 31 dicembre del 1992.


Sarebbe poi possibile accedere alla pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi INPS come leggiamo sul sito Trendonline

La terza deroga Amato concede la pensione anticipata a coloro che hanno un’anzianità contributiva di almeno 25 anni. In tal caso, il primo contributo deve essere stato versato ameno 25 anni prima della data di raggiungimento dei requisiti per la pensione. Bisogna aver versato 15 anni di contributi da lavoro dipendente all’Assicurazione generale obbligatoria oppure ad un fondo sostitutivo. Di questi 15 anni, almeno 10 devono essere stati lavorati per periodi non inferiori alle 52 settimane a copertura dell’interno anno

L’opzione Dini

Sempre nello stesso sito è riportato un ulteriore caso ovvero “l’opzione prevista dalla Legge Dini 335/1995

71 anni compiuti; almeno un contributo accreditato prima del 31/12/1995; almeno 5 anni di contributi tutti versati dopo il 31/12/1995. Questa opzione presenta uno svantaggio per il lavoratore. La pensione viene calcolata interamente con il sistema contributivo, più penalizzante rispetto a quello retributivo visto che gran parte dei contributi maturati sono antecedenti al 31 dicembre 1995.

Segui Viaggiare al Verde su Google News