News

“Denise Pipitone è mia figlia”. Dopo anni di silenzio il papà della bimba rompe il silenzio. Ecco chi è

Le parole del vero padre di Denise intervenuto a Quarto Grado
“Denise Pipitone è mia figlia”. Dopo anni di silenzio il papà della bimba rompe il silenzio. Ecco chi è

Continua a tenere banco il caso della scomparsa della piccola Denise Pipitone, e anche Quarto Grado, nella puntata di venerdì 14 maggio è tornato ad occuparsene, e per la prima volta abbiamo potuto sentire le parole di Toni Pipitone, l’uomo che ha cresciuto la bambina come fosse sua amandola, da lei riamato, per quei pochi anni in cui i due hanno potuto stare assieme prima che la bimba svanisse nel nulla.

Negli ultimi giorni si fa tanto parlare della storia, anche e soprattutto alla luce delle tante novità che stanno venendo a galla dopo ben 17 anni, tra intercettazioni, testimonianze e lettere anonime di chi forse ha deciso finalmente di voler dare pace a questa mamma che non smette di lottare affinché la verità venga a galla.

Le parole del padre

Le parole di Toni Pipitone sono state un susseguirsi di ricordi dolci e amari, tra quello che facevano assieme:

La bambina stravedeva per me, andavamo in spiaggia con il mio fuoristrada decapottabile. Lei era tutta contenta quando andavamo a Mazara. Abbiamo vissuti dei momenti bellissimi. Fino all’ultima notte prima della scomparsa ha dormito con me. Diceva papà ti voglio bene, tu non diventerai mai vecchio, non morirai mai. Era sempre allegra, come me si divertiva. Sono stato e sono il suo papà.


a quei terribili momenti subito dopo aver appreso della tragedia:

Ho preso subito la macchina e ho iniziato a girare per cercarla. Le piste all’inizio erano tante, si cercava nei pozzi, nei campi rom, ma sicuramente c’è stata una cattiva organizzazione delle indagini.

L’appello

Infine, anche l’uomo ha voluto fare un appello con la speranza che quest’incubo possa finire al più presto, certo di ritrovare quella figlia persa troppo presto:

Denise, quando sarà finito tutto, papà ti porterà a mangiare un gelato grosso come una casa. Il mio cuore batte per te, non farlo fermare amore mio.

Un appello e una speranza ai quali ci accodiamo con l’augurio a questa famiglia di ritrovare la pace dopo tutti questi anni.

Segui Viaggiare al Verde su Google News