News

“Sono arrivati i carabinieri”. Festa illegale per il famoso cantante italiano: multati tutti i partecipanti. Di chi si tratta e cos’è successo

Festa illegale in provincia di Napoli: il protagonista è un personaggio noto.
“Sono arrivati i carabinieri”. Festa illegale per il famoso cantante italiano: multati tutti i partecipanti. Di chi si tratta e cos’è successo

Tutto sembrava andare per il meglio, ma una segnalazione ha interrotto la festa.

Festa illegale a Casalnuovo

Nella tarda serata di giovedì, a seguito di una segnalazione, la polizia ha sorpreso 47 persone che stavano partecipando ad una festa abusiva a Casalnuovo, in provincia di Napoli.

Le persone, di età compresa tra i 18 e i 57 anni, sono state tutte multate; quando è arrivata la polizia, erano tutti seduti attorno ai tavoli e stavano consumando cibi e bevande per festeggiare il compleanno di una di loro.

Oltre agli avventori, anche il titolare dell’esercizio, un uomo di 44 anni di Aversa, è stato multato per aver violato le norme anti-Covid; il suo locale rimarrà chiuso per 5 giorni.

Inoltre, gli agenti hanno anche sorpreso 4 persone che erano appena salite a bordo di una vettura, sanzionandole per perché si trovavano al di fuori del proprio domicilio ed oltre l’orario consentito dal coprifuoco; tra loro c’erano il cantante neomelodico Tony Colombo e sua moglie, Tina Rispoli.

Tony colombo e Tina Rispoli multati


Lo scorso anno, la coppia era stata protagonista di un brutto scontro a Non è l’Arena di Massimo Giletti; il cantante, dopo una domanda sulla camorra, aveva minacciato di lasciare lo studio, trascinando con sé la moglie:

Me ne vado. E’ una vergogna associare la camorra alla mia vita, solo perché deve fare audience. Parliamo onestamente.

Secondo quanto si dice, Tina Rispoli farebbe parte di una famiglia che ha forti legami con la camorra; in precedenza, la donna era stata sposata con Gaetano Marino, ucciso con 13 colpi di pistola a Terracina, 7 anni fa.

Dopo la partecipazione dei due al programma di Giletti, il cantante neomelodico aveva pubblicato uno sfogo piuttosto duro:

Avevamo fatto un accordo verbale, ma la puntata si è svolta in un altro modo. Questa è la poca serietà e professionalità di un giornalista come lui, di una rete seria come La7 e di una trasmissione dove spendono i soldi per fare delle cose.

È tutto manipolato e gestito da loro. Di reale non fanno nulla, è tutto manipolato, anche gli applausi.

È vergognoso trattare delle persone in questo modo, cercare di distruggere le persone, dando visibilità a cose inesistenti. È tutto strutturato sulla manipolazione, anche mentale. Si violentano le persone psicologicamente, cercando di distruggerle a livello mediatico.